10 cose che non sai sulle formiche: dalla dote ai colpi di stato

Jun 08, 2015 | scritto da:

Le formiche attirano la nostra attenzione fin da bambini, estremamente precise ed intelligenti per la loro minuscola taglia, sopravvivono su questo pianeta da milioni di anni, grazie ad una preziosissima strategia: la cooperazione. Ecco dieci cose che sono certa (ci scommetterei anche!) non conoscete su questo incredibile insetto.

1. Sono stati i primi allevatori della storia della vita. Le formiche sono ghiotte di melata, ossia una sostanza zuccherina emessa dagli afidi e dalle cocciniglie. Perciò le operaie allevano questi insetti trasportandoli al pascolo (i getti delle piante) con le loro mandibole, difendendoli dai lupi del prato (le coccinelle) e, durante l’inverno, ospitandoli in una sorta di stalla nel loro nido.

2. Sono stati i primi agricoltori della storia della vita. Le formiche coltivano funghi! Nel formicaio adibiscono una camera all’interno della quale il terreno viene smosso e quindi messo a dimora del micelio di un fungo. Si passa quindi alle cure colturali come l’irrigazione e la raccolta. Il fungo serve a nutrire la colonia durante i mesi invernali e bilancia la dieta di queste guerriere apportando preziosi Sali minerali.

3. Mamma formica fornisce la tradizionale dote a sua figlia prima del volo nuziale. La dote consiste in un pezzetto di fungo da coltivare nella nuova casa della figlia e verrà usato per nutrire le nipotine della regina.

4. Nel loro mondo esistono gli zombie. Esiste un fungo, di nome foride, che infetta il cervello della formica, la trasforma in un vero e proprio morto vivente e la spinge al suicidio. Come? Mettendosi in mostra per essere mangiata da qualcuno, un uccellino, per esempio, il quale provvederà, con le sue feci, a diffondere le spore del fungo “zombifero”.

5. Sono ottimi guerrieri. Alcune specie di Acacia (A. cornigera, A. sphaerocephala) possiedono delle grandi spine cave che secernono, all’interno, del nettare extrafiorale. Così alcune colonie di formiche, attirate sia dal cibo, si stabiliscono all’interno delle spine e difendono le acacia dai grandi erbivori: se una giraffa si azzarda a brucare le foglie di questa pianta, una agguerrita legione di soldati fuoriesce dalle spine per sferrare un attacco alle cavità nasali dell’erbivoro. Dopo sonori starnuti, la battaglia viene vinta dalle formiche e la giraffa si dirige su altre piante.

6. Usano la testa per difendere il formicaio. Gli individui guerrieri, dotati di un capo piuttosto grande, si stabiliscono all’entrata del formicaio e lo tappano con le loro grandi teste. I nemici non possono passare mentre le operaie del nido vengono riconosciute dai guerrieri dall’odore. Se la parola d’ordine olfattiva è quella giusta, i guerrieri spostano la loro “zucca” e lasciano passare la sorella.

7. Lasciano la scia. Le formiche si avventurano in giro in cerca di cibo e quando la loro missione è andata a buon fine rientrano alla base vittoriose, lasciando una scia odorosa che possa guidare lei e i suoi compagni dritti dritti alla meta la successiva volta. E’ per questo che qualche volte le si vede procedere in fila indiana.

8. Sono schiaviste ed assetate di potere. Le regine di alcune specie del sud degli Stati Uniti penetrano in un formicaio “straniero” e uccidono la regina. Dopo il colpo di stato, la formica invasore si cosparge il corpo con le membra della vittima assumendone l’odore e quindi il comando. Le operaie della colonia invasa, scambiando la nuova regina per la vecchia, si prenderanno cura di lei e dei suoi figli.

9. In molte parti del mondo le mangiano. Proprio così. In luoghi come il Messico si usano le larve e le pupe di alcune formiche per cucinare un ottimo piatto chiamato “Escamoles”. Le larve e le pupe vengono cotte con del peperoncino e della cipolla assumendo un gusto simile a quello degli anacardi.

10. Fanno tempi di apnea da record. E’ stato scoperto che le formiche sono delle ottime apneiste riuscendo a stare sott’acqua anche per 24 ore.

Sapevate tutte queste cose? Non vorrei perdere la scommessa! Tuteliamo la biodiversità.

Pianta ora Scopri Treedom Business