21 novembre: Giornata Nazionale degli Alberi e Festa dell'Albero

Nov 21, 2016 | scritto da:

Oggi in tutta Italia si festeggia la Giornata Nazionale degli Alberi e le loro indispensabili capacità che permettono la proliferazione della vita: assorbire l’anidride carbonica e rilasciare ossigeno, prevenire il dissesto idrogeologico, proteggere la biodiversità. Tutte le regioni italiane sono coinvolte in iniziative dedicate a celebrare l’occasione; in alcune città, i festeggiamenti proseguiranno per tutta la settimana fino al 27 Novembre.

La Giornata Nazionale degli Alberi dal 2011, con la legge n.10 del Ministero dell’Ambiente che la riconobbe, viene celebrata ogni 21 novembre con l’intento di promuovere le politiche di riduzione delle emissioni, la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all'albero e la vivibilità degli insediamenti urbani. Accanto alle iniziative per la Giornata Nazionale degli Alberi, si svolgono anche quelle per la Festa dell’Albero, un’iniziativa promossa da Legambiente dal 2008 e che ha radici che affondando nelle antiche tradizioni della nostra cultura. 

Già gli antichi Romani precorsero l'odierna festa degli alberi: questi erano tutelati e conservati anche per motivi legati alla religione ed era consuetudine consacrare i boschi al culto delle divinità dell'epoca e la più grande festa silvana in epoca romana era la ‘Festa Lucaria’ che cadeva il 19 luglio. Oggigiorno, la campagna annuale di Legambiente – che per quest’anno prevede la piantumazione di 5.000 alberi, 500 appuntamenti, 2.000 classi e 40.000 studenti coinvolti – rappresenta un importante strumento per creare una sana coscienza ecologica nelle generazioni future che si troveranno ad affrontare problemi ed emergenze ambientali sempre nuove e su scala globale.

In particolare, l’edizione 2016 è dedicata al fenomeno del consumo del suolo, che ancora oggi è al centro di abitudini scorrette come la fortissima tendenza a cementificare disordinatamente i suoli liberi. Dall’analisi del Centro Ricerca sui Consumi di Suolo, sviluppata sui database cartografici europei che misurano le variazioni di uso del suolo nei Paesi dell’Unione europea, emerge che ogni anno in Italia vengono ricoperti dal cemento almeno 500 ettari di aree forestali. Negli ultimi anni la distruzione di foreste ha proceduto al ritmo di oltre 2.000 ettari all’anno. Una perdita importante, se si considera che nel nostro Paese i terreni forestali sono i nostri maggiori depositi di carbonio, tanto che ogni ettaro contiene l’equivalente di mille tonnellate di CO2 sottratte dall'atmosfera. Molti degli appuntamenti in programma si indirizzeranno proprio in questa direzione, condividendo e approfondendo i contenuti della petizione #salvailsuolo, la campagna di raccolta firme promossa da cittadini europei per chiedere all’Unione una direttiva contro il consumo improprio del territorio

Cari alberelli, buona Giornata Nazionale e buona Festa, e come disse la poetessa Lucy LarcomChi pianta un albero, pianta una speranza”! 


Pianta ora Scopri Treedom Business