Airbnb e Tesla insieme per ridurre la CO2

Sep 04, 2015 | scritto da:

Se ti dicessi che ormai siamo sempre più abituati a dormire in letti che non sono i nostri come la prenderesti? E se aggiungessi che alcune pratiche, ormai date per scontate, stanno subendo dei repentini cambiamenti?

Forse mi prenderesti per pazza e ti chiederesti che razza di argomento voglio trattare su un blog che parla di cose belle come gli alberi, la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente.

Se continuassi a leggere questo post, come spero tu stia facendo, scopriresti invece che i letti di cui accennavo solo quelli che gli host degli appartamenti ospitati su Airbnb mettono a disposizione di chiunque abbia bisogno di un alloggio, in un remoto paesino di provincia così come nelle più grandi metropoli.

Le pratiche ormai scontate sono invece quelle che prevedono che per far funzionare un’auto ci sia bisogno della benzina: Tesla ha rivoluzionato il settore immettendo sul mercato il suo ormai famoso veicolo elettrico.

La notizia sta nel fatto che Airbnb e Tesla, per adesso solo in California – dove l’azienda di automotive va fortissima, hanno stabilito una partnership grazie alla quale a selezionatissimi host (ossia persone che mettono a disposizione il proprio appartamento o la propria casa sulla piattaforma) Tesla metterà a disposizione delle vere e proprie charging station.

L’intento è chiaro: la piattaforma che più di ogni altra si fa bandiera della sharing economy collabora attivamente con chi ha come scopo principale la netta riduzione delle emissioni di CO2 anche in un settore ostico come quello dei trasporti su gomma.

Per maggiori informazioni (mentre speriamo di riuscire a dare presto una notizia simile dedicata al territorio italiano) puoi visitare http://s.airbnb.com/tesla/#tesla/home.

Pianta ora Scopri Treedom Business