Come trasformare gli scarti di olio in sapone

Dec 02, 2014 | scritto da:

Trasformare un rifiuto in una materia prima, ecco una bella sfida per abbattere la nostra impronta sul pianeta. Oggi vi racconto come trasformare gli scarti di olio in sapone. Ci servono:

Un termometro da pasticceria

300gr di acqua distillata

1kg di olio esausto

128 gr di soda caustica

Quest’ultimo ingrediente è quello che crea maggiori problemi, munitevi di mascherine di protezione e guanti e fate sì che la stanza sia ben areata. Un altro accorgimento, non utilizzate contenitori o spatole di alluminio!

Ed ecco i passaggi:

1)Filtrare l’olio di frittura con un colino a maglie strette.

2)Con i guanti e la mascherina versate in un contenitore resistente al calore l’acqua distillata e la soda caustica facendo molta attenzione. Mescolate lentamente e con cura fino a che la temperatura non scende ai 45 gradi.

3)Nel frattempo scaldate l’olio in un pentolino fino a che anche questo non raggiunge i 45 gradi.

4)Quando entrambi i composti raggiungono la stessa temperatura uniteli mescolando energicamente (potette usare un frullatore) fino a quando il composto non diverrà viscoso e…quindi sapone.

5)Colate negli stampi il composto ottenuto e posizionateli ben distanziati tra loro, ricoprite con della pellicola trasparente. Il composto continuerà a reagire durante le 24 ore che dovrete attendere prima di poter togliere quello che oramai sarà sapone dagli stampi, siate molto cauti quindi.

6) Una volta passate le 24 ore e tolti dagli stampi lasciar stazionare le saponette per sei settimane prima di utilizzarle.

Per renderle più profumate potete aggiungere al composto –punto4- un olio essenziale a vostro piacimento. E voilà, le vostre saponette!

Pianta ora Scopri Treedom Business