Dal marmo nascono... vestiti!

Oct 28, 2015 | scritto da:

Alice Zantedeschi, ventiseienne ex studentessa di moda del Politecnico di Milano, combina polvere di pietra a organza, lycra o lana, per creare dei prodotti molto speciali.

L’idea è nata come progetto di tesi magistrale presso la facoltà di Design per il Sistema Moda. In un’intervista Alice racconta: “Volevo che il progetto fosse legato alla mia città di origine - Verona - e soprattutto cercare un nuovo modo di comunicare questo territorio attraverso la moda. Dopo un’analisi oggettiva e qualitativa, mi sono accorta che gli elementi che caratterizzavano maggiormente la città erano: Romeo e Giulietta, lirica, vino e marmo. Quest’ultimo è il meno immediato quando si pensa alla città e per questa ragione ho iniziato a percorrere proprio questa strada”.

La polvere conferisce al tessuto sfumature di un timido rosa pallido dovuto al colore del Marmo Rosa del Garda: una colorazione del tutto naturale ottenuta senza l’ausilio di coloranti artificiali. Lo scorso anno Alice è stata invitata al Carrara Marble Weeks e alla fiera Marmomacc venendo selezionata per il programma di finanziamento di startup ImpresaxImpresa di Confindustria Verona, dove il suo progetto è stato scelto tra duecento progetti candidati.

Alice ha realizzato ben cinque prototipi, due cappotti e tre impermeabili. Per rendere il marmo ‘indossabile’ ci sono voluti molti test ed è stato necessario il supporto di alcune aziende del settore. Mescolando la polvere di marmo con la corretta tipologia di resina a supporto si è ottenuto questo materiale, oggi coperto da brevetto.

Il processo chimico - vuole specificare Alice - non è dannoso per la salute. Così si valorizza un territorio, rendendo più belli i capi d’abbigliamento e senza maltrattare l’ambiente.

Pianta ora Scopri Treedom Business