Diario di un agronomo: Come autoprodurre le cipolle senza fatica (e senza spesa!)

Mar 12, 2015 | scritto da:

Ciao sono Niccolò, uno degli agronomi di Treedom. Il mio lavoro mi porta lontano, dall’Africa al Sud America, per condividere le mie conoscenze legate al mondo dell’agricoltura con le popolazioni locali. Insieme ci prendiamo cura degli alberi che, se vorrai, potrai adottare. Questo diario serve per raccontarti i miei viaggi e portarti consigli da mondi lontani.

 

Durante un mio viaggio in Guatemala notai una cosa che mi incuriosì molto: a San Juan Atitlán, splendido villaggio sulla riva di uno dei più affascinanti laghi del mondo, incorniciato dai picchi dei vulcani San Pedro e Atitlán, le donne preparavano la salsa guacamole, specialità del luogo. Un pesto di cipolle, pomodori, coriandolo e, ovviamente, valanghe di avocadi.

La cosa più interessante era che era tutto preparato con i prodotti del giardino e con gli scarti del pranzo precedente! Mi spiego: invece di usare tutta la cipolla, come facciamo noi, loro separavano con un coltello la parte inferiore del bulbo, quella che contiene le radici – si riconosce perché è la parte più bombata – permettendo di coltivare nuove cipolle senza mai doverne acquistare altre al mercato. Lasciavano essiccare questo fondo di cipolla all’aria per qualche giorno, per poi trasferirlo direttamente in terra, posandolo sulla superficie con il fondo rivolto verso la terra e ricoprendolo con uno strato di qualche centimetro di terreno fertile.

Inoltre da una cipolla possono svilupparsi più cipolle, il ché rende la cosa ancor più proficua… una volta formatesi le prime foglie, le donne rimuovevano il bulbo dal terreno e separavano le diverse piantine una dall’altra, in modo che le nuove cipolle potessero svilupparsi incontrastate. Il risultato era la possibilità di avere una scorta continua nel giardino di casa. Lo stesso si può fare a casa, anche senza un giardino. Basta mettere i fondi di cipolla in un vaso col terriccio e posizionarlo sul balcone.

Anche qui a Treedom stiamo cominciando a mettere a frutto tali esperienze. L’orto procede e proprio ieri abbiamo piantato le insalate, gli agli e ovviamente le cipolle. Presto toccherà alle solanacee (pomodori, melanzane e zucchine) e alle erbe aromatiche. Ti aggiorneremo sui risultati!

Pianta ora Scopri Treedom Business