I 5 nuovi patrimoni naturali dell'umanità del 2014

Jul 15, 2014 | scritto da:

 

L’Unesco ha eletto i nuovi 26 siti protetti dall’umanità per il 2014, o meglio 5 patrimoni naturali e 21 culturali. Vincitore nella categoria patrimonio culturale è il Piemonte, o meglio i suoi vigneti, un patrimonio culturale e un’eredità da conservare. Ma scopriamo, invece, i nostri cinque patrimoni naturali.

Il Great Himalayan National Park è il primo classificato. Il parco è fondamentale per la protezione della biodiversità. Infatti, comprende 25 foreste con diverse specie animali, di cui molte a rischio di estinzione e le cime delle montagne sono coperte dai ghiacci perenni, una fonte d'approvvigionamento idrico per le popolazioni che vivono a valle. 

Secondo classificato il Mount Hamiguitan Range Wildlife Sanctuary. Situato sulla catena dei monti Hamiguitan nelle Filippine, è un vero e proprio santuario della flora e fauna locali, molte delle quali a rischio, come il cacatua e l'aquila delle Filippine.

Segue a poca distanza il Delta dell'Okavango nel Botswana. Dopo il delta del Niger è il secondo più vasto al mondo. Oltre a ospitare alcune tra le specie più a rischio in assoluto come il rinoceronte bianco e nero, il ghepardo, il leone e il cane selvatico africano, è anche un complesso ecosistema di straordinario interesse. Dopo aver percorso 1000 metri, il fiume Okavango sfocia in una pianura alluvionale che comprendente isole, canali e lagune, sempre mutevoli. Ciò che rende straordinario questo luogo, è che gli animali e le piante che lo popolano vivono in perfetta sincronia con i cicli del fiume stesso. Soprattutto quando è in piena.

Quarto posto per le Stevins Klint, Danimarca. Quindici chilometri di falesie costiere ricche di fossili, qui si può ammirare la successione della fauna e della microflora che determinarono il recupero della vita dopo la caduta del meteorite Chiculub, abbattutosi sulla Terra nel Cretaceo 65 milioni di anni fa, e responsabile dell'annientamento di oltre il 50% della vita sul pianeta.

Ultimo classificato, ma non per bellezza e importanza, il Trang An Landscape Complex, in Vietnam. Tra il naturale e il culturale, il sito è situato sull'acqua. Comprende grotte in cui è stata ritrovata la testimonianza di attività umana risalente a circa 30.000 anni fa. Queste montagne sono la prova che cacciatori e raccoglitori le hanno occupate adattandosi ai cambiamenti climatici.

Ti è piaciuto l'articolo? Forse potrebbe piacerti anche adottare un albero!

Pianta ora Scopri Treedom Business