Il calamaro vampiro, un animale incredibile che in pochi hanno visto

Dec 02, 2014 | scritto da:

Il calamaro vampiro (Vampyrteuthis infernalis) è un mollusco che abita gli oceani temperati e tropicali ma che vive ad una profondità praticamente inaccessibile a quasi tutte le altre forme di vita animale. Il calamaro in questione, infatti, vive ad una profondità che va dai 600 ai 950 metri, nella fascia marina ad ossigenazione minima (che non permette la vita alla maggior parte degli organismi) e completamente afotica, cioè con totale assenza di luce. Una delle sue particolari risorse infatti è legata proprio al buio in cui è immerso: il calamaro vampiro è in grado di generare luce propria grazie ad un processo chiamato controilluminazione.

Lo strano mollusco è interamente ricoperto di organi luminosi detti fotofori in grado di emanare dei veri e propri lampi di luce di durata variabile che servono a disorientare quei pochi aggressori che possono spingersi fino a tali profondità. In caso di seria minaccia il calamaro emette una specie di nuvola di muco bioluminiscente che disorienta gli aggressori per alcuni minuti. Il colore dei suoi occhi può variare dal rosso acceso all’azzurro intenso e scintillante a seconda della luce e le dimensioni delle orbite oculari, in proporzione, sono le più grandi del regno animale (2,5 cm). Sono tante le particolarità del mollusco, certo è che il calamaro vampiro non è affatto conosciuto o studiato in maniera completa, perché vive in un habitat troppo inaccessibile per tutti, animali ed esseri umani. Infatti gran parte delle riprese sono state eseguite grazie a dei robot abissali più che tramite osservazioni dirette, anche perché questo animale non può sopravvivere per più di due mesi negli acquari. Oltre a questo il calamaro vampiro è uno degli animali viventi più antichi del mondo perché alcuni ritrovamenti fossili attestano la sua presenza nel medio Giurassico (circa 165 milioni di anni fa).

 

Pianta ora Scopri Treedom Business