Il riuso secondo Mastro Luciaio

Apr 15, 2015 | scritto da:

Matteo Vezzosi, in arte Mastro Luciaio, è un ragazzo di San Baronto, nella collina del pistoiese, ha 38 anni, “ma i 35 sono i nuovi 20…no?” Ed è un “passatista” che ama il riuso e le auto d’epoca.

Ha iniziato a realizzare lampade per caso circa due anni fa, quando ha trovato un casco da parrucchiera che ha sapientemente trasformato in una lampada. Dai ferri da cucina, dai tegami nascono il tegaminator, il catinus rectus o maccheroni; ma anche dagli elettrodomestici come frullatori e caffettiere da cui sorgono splendide lampade come luce del giorno; fino alle gonne delle bambine che si trasformano in paralumi o i vecchi pattini che diventano fari erranti.

Matteo è un artigiano che nella vita reale fa l’architetto: “nella pratica di tutti i giorni non puoi dare sfogo alla libera creatività perché segui il cliente e la burocrazia, devi accettare dei compromessi per cui la parte creativa è molto limitata.” Ed è stato proprio questo bisogno di dare libero sfogo alla creatività a spingere Matteo Vezzosi a creare lampade a partire da vecchi oggetti recuperati nei mercatini dell’usato, ma anche da oggetti abbandonati vicino ai cassonetti o nelle soffitte. 

Ma non si considera un artista, perché questi “ha un messaggio, mentre quello che faccio io nasce da un processo di idee e creatività. Il vero messaggio è quello di dare una seconda possibilità agli oggetti; dargli una dignità estetica, ma non voglio salvare il pianeta, è un effetto collaterale!” .  Infatti, la luce, oltre l’oggetto recuperato, è il suo stimolo: “perché tutto ciò che ci circonda cambia immagine se guardato sotto una luce diversa, per questo il nostro motto è ferri vecchi sotto una nuova luce.”

 E da qui il nome Mastro Luciaio, come il mastro che è maestro del fare, colui che non sta dietro a una cattedra ma si sporca le mani.

Certo è che con la crisi economica si è messo in discussione il nostro modello di vita; il consumismo smodato e l’oggettistica che cambia con la moda del momento, ora danno il passo a una nuova coscienza e consapevolezza del consumo e della qualità degli oggetti. Una nuova consapevolezza che Matro Luciaio, o Matteo Vezzosi che dir si voglia, utilizza strepitosamente!

Pianta ora Scopri Treedom Business