Inquinamento atmosferico, il serial killer dell'era contemporanea

Nov 12, 2015 | scritto da:

L'inquinamento, lo sai meglio di me, è un problema che coinvolge oggi tutto il pianeta; sia i paesi industrializzati, sia le zone più lontane dalla civiltà che, attraverso le vie dell'aria e dell'acqua, subiscono gli effetti negativi di questo fenomeno. Secondo i dati emersi da un recente studio effettuato da un'équipe di ricercatori dell'Istituto Max Planck ogni anno 3,3 milioni di persone muoiono a causa della cattiva qualità dell'aria e il bilancio delle vittime è destinato a raggiungere i 6,6 milioni entro il 2050 se le emissioni inquinanti continueranno ad aumentare ai tassi di crescita attuali.

L'analisi ha fornito risultati sconcertanti: lo smog è la principale causa di morte prematura nei paesi asiatici (principalmente India e Cina) dove, i danni sanitari maggiori derivano dalle emissioni provenienti dal riscaldamento e dalla cucine domestiche. A mietere vittime negli Stati Uniti sono le emissioni generate dal traffico e dalla produzione di energia mentre in Europa sono le polveri sottili prodotte dall’agricoltura. L’utilizzo massiccio di fertilizzanti nei campi e gli allevamenti intensivi causano la produzione di sostanze nocive pericolose per l'uomo e per l'ambiente. Lo smog che causa infarti, ictus, malattie respiratorie e cancro ai polmoni è un problema che deve essere affrontato e, in caso di una mancata azione, le prospettive sono più grigie che mai.

Pianta ora Scopri Treedom Business