Jellyfish Barge: coltivare ‘green’ in Darsena a Milano

Sep 15, 2015 | scritto da:

Milano è una città che negli ultimi mesi, complice il tanto discusso Expo, ha saputo risorgere da mucchietti di cenere sparsi qua e là. Scrivo da una scrivania in un ufficio posizionato al centro di quella che è l’unica vera metropoli italiana: non ha niente di invidiare a tante sue sorelle internazionali, ma, chissà perché, qui si tende sempre a essere più modesti di quel che si dovrebbe.

Milano è bella (e #Milanobella è uno dei miei hashtag preferiti), lo è diventata ancora di più in questo pazzo semestre e lo dimostra quotidianamente dando spazio a progetti e iniziative accattivanti e virtuosi. Come Jellyfish Barge, per esempio, che fino al 31 ottobre galleggerà, visitabile, in Darsena.

 

 

Jellyfish Barge è, in pratica, una serra modulare galleggiante per la coltivazione di ortaggi, in grado di depurare l’acqua di mare utilizzando energia solare.

Ieri scrivevamo che la terra a disposizione per essere coltivata è troppo poca per accontentare le esigenze della popolazione mondiale, destinata a crescere esponenzialmente entro il 2050. Presentata in forma di progetto nell’ambito dell’International Award 2015 indetto dall’UNIDO, ossia l’organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale, con il CNR e la direzione generale per la Cooperazione allo sviluppo del ministero degli Affari Esteri, questa serra integra un sistema di coltivazione idroponica e di dissalazione solare proprio per produrre cibo senza gravare sulle risorse esistenti.

 

Foto di © Matteo de Mayda 2014 da www.pnat.net/jellyfish-barge.

Pianta ora Scopri Treedom Business