L'inquinamento fa crollare il mercato azionario

Mar 13, 2017 | scritto da:

Anthony Heyes e Soodeh Saberian, professori di economia presso l'Università di Ottawa, in collaborazione con Matthew Neidell della Columbia University, hanno confrontato i dati giornalieri dell'indice S&P 500 (l'andamento di un paniere azionario formato dalle 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione) con i dati sulla qualità dell'aria rilevati attraverso un sensore EPA vicino a Wall Street e hanno individuato una connessione tra l'inquinamento elevato e il pessimo andamento dei titoli azionari. La loro conclusione? L'inquinamento atmosferico fa crollare il mercato azionario.

Ogni volta che la qualità dell'aria diminuisce è possibile notare una riduzione del 12% in rendimenti azionari - spiega Heyes - In questo processo intervengono due fattori. In primo luogo, essere esposti ad aria inquinata, anche solo per un giorno, colpisce il vostro stato emotivo e vi mette in una condizione di depressione che riduce anche la vostra capacità cognitiva. Ciò influisce negativamente su come ci si sente e su quanto si è bravi a pensare. In secondo luogo, malumori e capacità cognitive inferiori tendono a ridurre l'appetito per il rischio e la bassa propensione al rischio è associata a rendimenti più bassi”.

Per far sì che i dati fossero attendibili, Anthony Heyes e i suoi colleghi hanno misurato la qualità dell'aria in diverse zone di Manhattan ottenendo sempre lo stesso risultato e hanno preso in considerazione anche numerosi fattori che potevano essere d'intralcio per l'analisi. “Abbiamo considerato tutto ciò che poteva essere importante per giungere alla scoperta, ad esempio temperature, precipitazioni e tempo atmosferico - prosegue Heyes - È difficile controllare ogni cosa. Nessuno lo fa alla perfezione ed è proprio per questo che facciamo anche controlli di falsificazione. Dallo studio è emerso che queste variabili non influiscono sul risultato finale”. I tre professori sono interessati a comprendere i risultati non-sanitari dell'aria cattiva. Per molto tempo le persone hanno studiato come una cattiva qualità dell'aria influisce su aspetti legati alla salute come ictus, attacchi di cuore e depressione ma adesso si vuole capire come l'aria inquinata influenza la produttività e le prestazioni. “La ricerca mostra che le persone svolgono meno bene una vasta varietà di compiti nei giorni inquinati rispetto alle giornate meno inquinate. Gli esseri umani sono molto sensibili, più sensibili di quello che pensano, nei confronti dell'ambiente in cui si trovano - conclude il professore - Se i prezzi delle azioni salgono e scendono in seguito ad un comportamento instabile causato dall'inquinamento, è una cosa negativa per l'efficienza del mercato. Non sto dicendo che l'aria più pulita farà salire i prezzi delle azioni. Sto dicendo che l'aria più pulita, in particolare a New York, farà lavorare meglio il mercato azionario”. 


Pianta ora Scopri Treedom Business