L'Italia e gli orti aziendali: un colpo di fulmine

Jun 07, 2016 | scritto da:

Ridisegnare l’immagine delle città attraverso gli orti: ci sono quelli urbani, un vero e proprio stile di vita per i contadini di città e un modo per mangiare sano, socializzare e recuperare alcune aree altrimenti destinate all’abbandono e al degrado, ci sono quelli scolastici in cui i bambini insieme agli insegnanti si dedicano alla coltivazione della frutta e degli ortaggi che poi gustano a merenda o durante i pranzi in mensa e ci sono anche quelli sul balcone di casa.

Un fenomeno in costante crescita non solo all'estero, ma anche in Italia dove la passione per l’orto ha contagiato diverse realtà imprenditoriali che hanno investito denaro per allestire spazi verdi dove i dipendenti possono coltivare frutta e verdura durante le pause dal lavoro. Un’attività rilassante che permette di socializzare e allo stesso tempo mangiare cibi salutari: in molti casi i prodotti vengono poi serviti nella mensa aziendale.

Diesel, Bottega Veneta e Unicredit sono alcuni esempi italiani mentre per l'estero si possono citare grandi colossi come Google, Microsoft, Yahoo, Aveda e Toyota.

Diesel, in particolare, è in grado di ospitare non soltanto i dipendenti, ma anche i bambini che frequentano la scuola dell'infanzia aziendale. Nella sede di Breganze, in provincia di Vicenza (Veneto) ci sono dieci piccoli appezzamenti dedicati alle diverse coltivazioni stagionali di cui i bambini, insieme ai propri genitori, si occupano direttamente, imparando anche a distinguere le diverse specie.

A Milano, nella sede di Unicredit, ci sono due orti (lunghi otto metri ciascuno) collocati sulle terrazze delle due torri. Qui, i 50 dipendenti della banca che hanno aderito all'iniziativa 'Coltiva il tuo spazio', possono coltivare un piccolo appezzamento di terra e seguirlo nel suo intero ciclo di vita, dalla semina al raccolto. Ciascuno può coltivare ciò che vuole (basilico, menta, prezzemolo, fragole, piantine di agrumi) gestendo il proprio spazio in totale autonomia e può recarsi all'orto in qualsiasi momento della giornata, anche se tendenzialmente si predilige la pausa pranzo.

Bottega Veneta, infine, ha inaugurato il giardino Eco-Food presso gli uffici di Milano, un'area verde di 2.400 metri quadrati progettata per offrire ai dipendenti uno spazio di relax a contatto con la natura e contemporaneamente per rifornire il ristorante aziendale interno di prodotti freschi a chilometro zero. Ci sono tipologie di piante aromatiche o leguminose, quali ad esempio borragini, mente e timi, di alberi da frutti, come ciliegio, prugnolo, sorbo e nespolo, ma anche di verdure fresche, come diversi tipi di pomodoro, peperone, melanzana e cetriolo.

Pianta ora Scopri Treedom Business