Laghi blu e cambiamento climatico

Aug 31, 2016 | scritto da:

A colpo d'occhio sembrano splendide e affascinanti macchie di un colore blu brillante che tinteggiano lo spazio circostante, ma non hanno niente a che fare con l'arte: sono centinaia di laghi comparsi in Antartide orientale che stanno facendo preoccupare l'intera comunità scientifica che si occupa dei danni provocati dal riscaldamento climatico.

Gli scettici del riscaldamento globale possono iniziare a cambiare le loro convinzioni dando uno sguardo ad alcune foto recenti dall'Antartide. Immagini di un blu brillante, laghi supraglaciali (cioè laghi che si formano sopra i ghiacciai, pozze per intenderci, che possono estendersi per parecchi chilometri e raggiungere importanti profondità) rivelano punti caldi lungo la superficie del ghiacciaio Langhovde, sulla sponda orientale dell'Antartide. Proprio così, il luogo più freddo della Terra si sta riscaldando e le sue lastre di ghiaccio, una volta stabili, stanno rapidamente perdendo solidità.

Questo fenomeno si verifica già da diversi anni in Groenlandia dove le temperature al di sopra della norma causano il drenaggio dell'acqua disgelata nel ghiacciaio sottostante portandolo in breve tempo al collasso. Dalle analisi effettuate tra il 2011 e il 2014, la Groenlandia ha perso circa un trilione di tonnellate di ghiaccio ma è la prima volta che si registra con certezza la presenza di questo fenomeno nella parte orientale dell'Antartide.

 

Se la crescita accelerata di pozze di acqua disgelata può essere una novità per alcuni, i dati meteorologici e satellitari riportati in un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica 'Geophysical Research Letters' suggeriscono che sono apparsi quasi 8.000 nuovi laghi supraglaciali sul ghiacciaio Langhovde nei mesi estivi tra il 2000 e il 2013. La presenza dei laghi in Antartide orientale è la dimostrazione, per i ricercatori, che il riscaldamento globale ha toccato anche quest'area della Terra che sembrava immune all'innalzamento delle temperature. Il riscaldamento climatico ha avuto un effetto tangibile sulle lastre di ghiaccio che hanno iniziato a sciogliersi, ma i suoi danni a lungo termine sul ghiacciaio orientale dell'Antartide non sono ancora chiari: i laghi sul ghiacciaio Langhovde non stanno attualmente minacciando l'esistenza del ghiacciaio stesso, ma sarà importante tenere monitorata la situazione in futuro per vedere come si evolve con le variazioni di temperatura dell'aria sulla superficie della Terra. Se i laghi continuano ad espandersi a questa velocità, la più grande preoccupazione sarà l'innalzamento consistente del livello del mare.

Pianta ora Scopri Treedom Business