Las Vegas s'illumina di verde: raggiunto il target 100% energia pulita

Jan 12, 2017 | scritto da:

Las Vegas, la capitale del divertimento e del gioco d’azzardo, si è ufficialmente convertita all'energia rinnovabile. L’annuncio è arrivato nel mese di dicembre dall’amministrazione comunale: la città che non dorme mai, sicuramente, non rinuncerà alle appariscenti luminarie che caratterizzano strade e locali ma almeno l’eccessivo consumo sarà mitigato dall’uso di energia green

Nel corso di una conferenza stampa, infatti, il sindaco Carolyn Goodman ha spiegato che la metropoli ora usa solo energie rinnovabili (solare, eolico e geotermico) per soddisfare i consumi degli edifici istituzionali e alimentare l’illuminazione pubblica. Un traguardo frutto di un percorso di transizione dalle centrali elettriche tradizionali a quelle alimentate da fonti energetiche rinnovabili durato ben 10 anni ma che ha portato, un anno fa, a una partnership con la NV Energy, un'impresa di servizi pubblici.

L’elettricità necessaria a soddisfare i consumi energetici della città proviene da fonti locali. Nello specifico Las Vegas può contare sull’energia pulita fornita da impianti geotermici e pannelli solari installati sul territorio e sull’elettricità prodotta dalla centrale fotovoltaica Boulder Solar 1, situata nel Sud-Est dello Stato del Nevada. Il cammino verso le rinnovabili è cominciato nel 2008 e da allora la città ha risparmiato circa 5 milioni di dollari all’anno, riducendo di oltre il 30% il consumo energetico. Las Vegas è la più grande città statunitense a fare completamente affidamento sull'energia verde, ma altre realtà come ad esempio San Francisco, San Jose in California e Grand Rapids nel Michigan hanno già annunciato di voler raggiungere un’alimentazione 100% rinnovabile entro il 2035.

Pianta ora Scopri Treedom Business