Obama e l'energia pulita

Dec 07, 2015 | scritto da:

Parigi, un nome di una città che sfortunatamente abbiamo sentito nominare spesso negli ultimi giorni, rimbalzando da un media all’altro. Probabilmente, mentre leggi questo articolo l'hai sentita nominare anche per il Cop21, ovvero la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima.

Il summit prevede che ogni anno i Paesi membri debbano riunirsi per fare il punto sui cambiamenti climatici in atto. Quella in corso in Francia è la 21esima e i leader mondiali si sono dati appuntamento per sottolineare l’importanza del tema e per trovare possibili soluzioni per contrastare l’avanzata dell'inquinamento e dell'effetto serra. Anche il Presidente Obama è salito su un aereo per raggiungere la capitale francese e annunciare la sua intenzione di duplicare il budget messo a disposizione per le energie verdi.

L’impegno della Casa Bianca è quello di spingere per tecnologie a zero consumo di CO2, con un investimento di 20 miliardi di euro in 5 anni, di cui la metà stanziati dagli Stati Uniti. Il tutto si basa sulla volontà di accelerare l’adozione e l’utilizzo di queste tecnologie, ma anche far nascere delle opportunità commerciali tra i diversi paesi in via di sviluppo. Le energie pulite piacciano da più parti: c’è chi le sostiene da sempre e al contempo protegge l’ambiente, i politici di ambo gli schieramenti e anche alcuni privati molti interessanti.

Infatti, in concomitanza con l’annuncio della casa più famosa d’America, un gruppo di 28 investitori, guidati dalla Microsoft Corporation e da Bill Gates, sveleranno  come aiutare le aziende per dislocare al meglio una nuova tecnologia di energia pulita, anche nei paesi in via di sviluppo. L’ulteriore sforzo parallelo di Gates sarà quello di incrementare i membri della sua coalizione, aggiungendo al gruppo nomi come Mark Zuckerberg e il fondatore di Virgin Group Tom Steyer. Come dice Bill, nonostante i grandi passi avanti fatti, è necessario esplorare diversi sentieri e inventare nuovi approcci, per coinvolgere sempre più privati a donare nella ricerca prima, e successivamente all’utilizzo di energie rinnovabili.

Pianta ora Scopri Treedom Business