Re Rag Rug, i tappeti ecosostenibili

Feb 03, 2016 | scritto da:

Il più antico è quello di Pazyruk (parliamo del 500 a.C) oggi conservato all’Hermitage di San Pietroburgo. Quello più alla moda è fino al 10 aprile in mostra all’istituto Svedese di Parigi. Sto parlando del tappeto, un oggetto le cui origini si perdono nell’antico Oriente. Un oggetto che richiama a sé arte e storia, e per questo ricco di fascino.

Oggi, è anche il simbolo dell’ecofriendly e di un nuovo lusso: intelligente, bello e utile al pianeta, diventato famoso dopo aver vinto l’Elle Decoration Swedish Design Awards del 2014. I tappeti di Re Rag Rug, fanno parte di un progetto di design sperimentale che esplora proprio il lato sociale ed ecologico della sostenibilità del tappeto.

Nato dall’idea dello Studio Brieditis & Evans in Svezia, per 12 mesi hanno sviluppato 12 diversi tappeti usando 12 diverse tecniche, utilizzando sempre materiale considerato inutile, ovvero stracci, T-shirt esauste, maglioni fuori uso e altri scarti provenienti dalla lavorazione tessile. Un esempio di come si possa lavorare con la sostenibilità, partendo da materiali poveri aggiungendo loro valore attraverso la lavorazione.

Ne volete uno? Lo potete acquistare qui oppure l’indirizzo è 11 Rue Payenne, Paris.

 

Pianta ora Scopri Treedom Business