“Riusalo.it", il portale per mettere in vetrina i beni in disuso

May 19, 2015 | scritto da:

Quanto sarebbe bello se l’immensa mole di rifiuti riciclabili che ognuno di noi produce finisse direttamente in una vetrina virtuale dove chiunque altro potesse prendere gratuitamente ciò che più gli piace?

Adesso è possibile grazie al sito Riusalo.it, un nuovo portale che consente a tutti i cittadini italiani di disfarsi dei loro beni (mobili, libri, vestiti ecc) senza inquinare l’ambiente creando spazzatura inutile e contribuendo al benessere sociale. Riusalo.it è un sistema che garantisce un servizio unico di gestione dei beni/rifiuti e offre gratuitamente al cittadino una duplice opportunità: disfarsi dei beni non più desiderati da un lato e usufruire gratuitamente di quei beni di cui altri cittadini si sono voluti sbarazzare dall’altro.

Tramite il sito Riusalo.it il cittadino può contattare l’Azienda che gestisce il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti e, se previsto dal Comune di appartenenza, potrà accedere direttamente alle procedure per il ritiro in maniera facile e automatizzata. Questo servizio, comunque, non va a sostituirsi alle aziende che si occupano della raccolta dei rifiuti, bensì si tratta di un servizio utilizzabile gratuitamente da questa a fini gestionali.

La vera novità sta nel fatto che il cittadino potrà inserire il suo bene in una vetrina virtuale sul sito Riusalo.it dove potrà caricare foto e didascalie e decidere per quanto tempo desidera che il suo oggetto rimanga esposto in tale vetrina. Il servizio viene offerto gratuitamente a tutti gli utenti che vorranno registrarsi sul sito e a tutti i Comuni italiani. È previsto anche un servizio speciale per le Onlus, le quali avranno degli account privilegiati perché per loro è previsto un diritto di prelazione sugli oggetti presenti nel portale.

Riusalo.it è un servizio di Asinco srl, una sturt up innovativa che ha lo scopo di unire l’esperienza, la tecnologia e l’entusiasmo per ottimizzare i processi di gestione dei rifiuti partendo proprio dall’origine della catena: limitare la produzione degli stessi.

Si calcola che raggiungendo soltanto l’1% di riutilizzo si otterrebbero 8.500 tonnellate in meno di rifiuti prodotti, 173.000 beni riutilizzati, 1.500.000 euro di risparmio di costi di gestione di rifiuti.

Photo credits: riusalo.it

Pianta ora Scopri Treedom Business