Rubbish Dump 2.0

Mar 02, 2016 | scritto da:

'Sposta nel cestino', è un'operazione che eseguiamo ogni giorno sul nostro desktop del computer quando una cosa non ci interessa più. Ma cosa succede quando il virtuale diventa reale? Dove vanno i nostri computer non più utilizzati? Il borgo di Agbogbloshie, nella capitale del Ghana, è diventato negli ultimi anni una vera e propria discarica di PC e rifiuti elettronici provenienti da Europa e Stati Uniti.

La crescente domanda di cellulari ultramoderni, tv a schermo piatto e computer super-veloci creano centinaia di tonnellate di rifiuti elettronici carichi di sostanze chimiche tossiche che, invece di essere riciclati in modo sicuro, finiscono ogni mese nei paesi poveri in via di sviluppo. Lo smaltimento dei prodotti elettronici nel nord è un affare costoso soggetto a severe norme ambientali, ma nei paesi dell'Africa occidentale come il Ghana, la Nigeria e la Costa d'Avorio non ci sono tali norme: i metalli tossici (piombo, berillio, cadmio e mercurio) sono rilasciati in quantità pericolose e i danni alla salute umana e all'ambiente provocati da questo nuovo divario digitale sono rilevanti.

Ma come avviene tutto questo? I commercianti bypassano le leggi internazionali etichettando l'apparecchiatura come beni di seconda mano o donazioni di beneficenza, ma in realtà ben l'80% dei computer inviati in Ghana sono rotti o non più utilizzabili e finiscono nella discarica. Qui, i lavoratori non protetti, molti dei quali bambini, smantellano le apparecchiature in cerca di metalli che possono essere venduti e sono costantemente esposti a sostanze chimiche pericolose.

Pianta ora Scopri Treedom Business