Sai perché in autunno le foglie cambiano colore?

Sep 27, 2014 | scritto da:

 

Tutti amiamo la spettacolare esplosione di colori che uno scorcio settembrino può regalare e tutti sappiamo che in autunno le foglie degli alberi cambiano colore per assumere tonalità che spaziano dal giallo fino al rosso e all’arancio, ma sappiamo realmente perché questo avviene? Vogliamo spiegarvi questo avvenimento che ciclicamente avviene da sempre.  «Il colore delle foglie è sottrattivo» spiega David Lee, studioso della materia all’Università Internazionale della Florida, tanto che tale fenomeno è assimilabile ad un processo di decolorazione legato alla diminuzione progressiva della clorofilla, il pigmento che cattura l’energia del sole e che inevitabilmente si riduce in autunno, quando l’attività biologica della pianta subisce la mancanza di irradiazione solare. Ma la clorofilla (che conferisce il colore verde) è solo uno dei pigmenti che stanno alla base della colorazione delle foglie: gli altri, come la xantofilla, il carotene e gli antociani riescono ad emergere solo in autunno quando la clorofilla diminuisce e lascia spazio agli altri colori. Ma perché alcune piante assumono una colorazione rossa, altre gialla e altre ancora marrone o grigia? Proprio per la maggiore o minore presenza di questi pigmenti nelle cellule delle foglie. 

Ed allora, in quelle foglie in cui il pigmento prevalente è il carotene avremo una colorazione giallo- arancio, mentre nelle foglie in cui è alta la concentrazione dei pigmenti antociani la colorazione delle foglie sarà piuttosto tendente al rosso o al viola. Infatti gli antociani, che proteggono la pianta dai raggi solari, hanno una tinta rossastra-blu abbastanza marcata tanto che quando essi si trovano a coesistere con la clorofilla il colore delle foglie non è totalmente verde, bensì tendente al bronzo e quando invece si trovano in assoluta prevalenza essi sono in grado di colorare le foglie con una tonalità addirittura violacea. Quando invece i colori autunnali tendono al grigio ciò vuol dire che le foglie sono morte, che è avvenuta la degradazione dei cloroplasti (corpuscoli delle cellule contenenti clorofilla) e la mescolanza disordinata dei colori da cui risultano tonalità tendenti al marrone.

Ti è piaciuto l'articolo? Forse potrebbe piacerti anche adottare un albero!

 

 

Pianta ora Scopri Treedom Business