Sapete dov'è la bocca dell'inferno?

Dec 03, 2014 | scritto da:

La porta dell’inferno è un cratere situato nel deserto del Karakum, in Turkmenistan, che brucia ininterrottamente dal 1971, ha un diametro di 70 m e una profondità di 20 m ed è stato denominato dai locali “porta dell’inferno” nella convinzione che si tratti di un fenomeno soprannaturale. A rendere ancora più calzante questo nome è la vicinanza della voragine al minuscolo villaggio di Derweze o Darvaza (350 abitanti), che nella lingua turkmena significa “porta”. Questa voragine è in un certo senso artificiale perché fu provocata nel 1971 dal crollo di una piattaforma di perforazione sovietica finalizzata all’estrazione di petrolio in quel punto. A seguito del crollo si sprigionò una fuga di gas di grandi dimensioni che venne volontariamente incendiata per evitare conseguenze ambientali di gran lunga peggiori. Quando i geologi sovietici impiantarono una piattaforma di perforazione in cerca di petrolio chiaramente non sapevano che in quel punto si trovava un grande giacimento di gas naturale, ma una volta sprigionatasi la fuga i geologi decisero di innescare l’incendio nella speranza che il fuoco consumasse in breve tempo tutto il gas combustibile della caverna. In realtà, da allora, il fuoco non si è mai placato e continua a bruciare senza sosta.

 

Pianta ora Scopri Treedom Business