Smart Upgrading: biometano dai rifiuti

Oct 20, 2015 | scritto da:

Il destino della spazzatura, quantomeno quello dei rifiuti organici, sta per cambiare radicalmente. Grazie alla nuova tecnologia 'Smart Upgrading', infatti, sarà possibile produrre biometano di qualità a partire dal cosiddetto umido con costi inferiori a quelli attuali e utilizzando composti a basso impatto ambientale in grado di catturare la CO2. Questo sistema, sviluppato dal gruppo di ricerca di Maurizio Acciarri, docente di fisica sperimentale presso l'Università Bicocca di Milano in collaborazione con Cem Ambiente S.p.A, consente la separazione del biometano dal biogas attraverso l’utilizzo di molecole di derivazione naturale, che non presentano rischi per operatori e ambiente.

La sperimentazione è avvenuta in una discarica di Monza utilizzando un piccolo impianto prototipo e rispetto alle tecnologie attualmente impiegate in questo campo, 'Smart Upgrading' ha il vantaggio di lavorare con una sostanza di trasformazione biodegradabile low cost e di richiedere, per il suo funzionamento, una quantità di energia molto bassa. Il biometano così prodotto costa il 30% in meno, può smaltire circa 50.000 tonnellate di rifiuti all’anno ed è potenzialmente in grado di coprire il 20% del fabbisogno energetico italiano.

Pianta ora Scopri Treedom Business