Starbucks combatte lo spreco alimentare

Mar 31, 2016 | scritto da:

I numeri associati allo spreco alimentare sono davvero allarmanti, soprattutto se pensiamo che per ogni cosa che finisce nella spazzatura dei paesi industrializzati c'è qualcuno che, dall’altra parte del mondo, da mettere nel piatto non ha niente. Fortunatamente, però, si stanno moltiplicando le iniziative di chi prova a dare una nuova vita al cibo, riducendo gli sprechi e quindi i costi dello smaltimento in discarica.

Starbucks ha deciso di donare le eccedenze alimentari (prodotti buoni rimasti invenduti e prossimi alla data di scadenza) alle mense per i poveri e alle associazioni caritatevoli. Il nuovo programma, denominato 'FoodShare', sarà in grado di fornire 5 milioni di pasti alle persone bisognose nel primo anno di attività, ma l'azienda, che ha già programmato l'iniziativa per i prossimi cinque anni, mira a salvare dalla spazzatura il 100% dei prodotti invenduti donando 50 milioni di pasti entro il 2021.

La principale novità riguarda la donazione di cibi freschi inclusi insalate, panini ed altri alimenti da conservare in frigorifero. Starbucks ha investito nella ricerca per rendere assolutamente sicure le procedure di distribuzione nel rispetto della legislazione americana e negli ultimi anni ha avuto un occhio di riguardo per le questioni ambientali e sociali riducendo il consumo di acqua, introducendo bicchieri riutilizzabili, installando nei negozi contenitori di riciclaggio e infine donando cibo alle persone bisognose.

Pianta ora Scopri Treedom Business