The Repair Association, la lobby contro la società degli sprechi

Apr 10, 2016 | scritto da:

Se è rotto non vuol dire che sia da buttare. Così, almeno, la pensano i professionisti, gli hobbisti e i consumatori che negli Stati Uniti hanno dato origine a 'The Repair Association', la lobby ‘aggiusta tutto’ che raggruppa coloro che non ne vogliono proprio sapere di buttar via gli oggetti guasti e che rivendicano invece il diritto di riparare praticamente qualsiasi cosa, dal cellulare al televisore passando per i frigoriferi, le automobili e i trattori.

In un'epoca sempre più orientata al consumismo sfrenato e allo spreco, 'The Repair Association' sceglie di andare controcorrente offrendo una seconda vita alle cose rotte, combattendo così il monopolio delle multinazionali che impongono le loro regole sui pezzi di ricambio e che, più in generale, puntano al concetto di sostituzione del prodotto.

L'industria della riparazione si trova a dover affrontare alcune sfide: le multinazionali continuano a limitare l'accesso ai manuali di documentazione, ai componenti e ai software, il che costringe i consumatori ad affidarsi a costose riparazioni realizzate dal produttore o da centri affiliati a discapito dei piccoli imprenditori e degli artigiani che si vedono boicottati dalle grandi realtà industriali.

Gli obiettivi di questa nuova lobby sono chiari e puntano su quattro aspetti fondamentali: libero accesso alla documentazione tecnica e alla manualistica di riparazione, possibilità di reperire e acquistare liberamente ricambi, accessori e parti originali, ottenere l’abrogazione di decreti e leggi che consentano di sbloccare e manipolare i programmi e i sistemi software elettronici e infine abbracciare un’ottica meno consumistica e più orientata alla riparazione e al riciclaggio senza dimenticare che riparare vuol dire anche proteggere l'ambiente, allungando la vita dei prodotti e quindi riducendo la loro dismissione nelle discariche.

Pianta ora Scopri Treedom Business