Timberland, una scarpa (e un’azienda) al passo con l’ambiente

Nov 15, 2014 | scritto da:

 

La famosa azienda statunitense di calzature e abbigliamento ha recentemente annunciato una collaborazione con Omni Unite, produttore di pneumatici, per creare una nuova linea di copertoni in grado di essere riciclati e trasformati in suole di scarpe, anziché finire in discarica o essere bruciati in qualche inceneritore alla fine del loro ciclo di vita. Questi pneumatici fatti di una speciale gomma saranno commercializzati a partire dal 2015 e si adatteranno a tre categorie di vetture (citycar, suv e autocarri), quindi al 75 per cento delle autovetture del Nord America.

“Sappiamo che i materiali utilizzati nei nostri prodotti rappresentano alcuni dei nostri maggiori impatti ambientali - dice Emily Alati, direttore dello sviluppo di materiali per Timberland- e il modo in cui ci sforziamo di ridurre tale impatto è il riciclaggio.” Ciò che è importante notare è che Timberland, con questa iniziativa, non ha fatto altro che confermare il proprio impegno verso una produzione eco-sostenibile, una strada intrapresa già nel 2009 con il lancio della prime scarpe “smontabili” ed interamente riciclabili: Earthkeepers 2.0.

Cosa porta ad una scelta strategica di questo tipo? Dal momento che il target di riferimento è perlopiù rappresentato dai cultori del settore, naturalisti per passione, per hobby, per lavoro, in questo modo si cerca di innescare un meccanismo di identità con il marchio, di apprezzamento e di riconoscimento dell’impegno concreto dell’azienda e di quei valori di cui si promotore. In un’intervista Gian Paolo Potsios, managing partner di una delle società del gruppo Timberland che opera nel settore delle piantagioni, dice: “Uno dei cardini del colosso Timberland è l’ecosostenibilità. Noi lavoriamo sul lungo periodo, lo sviluppo delle foreste è a lungo termine e noi su questo elemento reale abbiamo costruito il nostro business. È per questo che per ogni albero che tagliamo ne facciamo crescere tre. Dobbiamo garantire la continuità biologica della crescita se vogliamo che la nostra strategia di investimento non muoia.”

Lo scorso anno Timberland ha allocato budget altissimi nell’ambito di comunicazione e marketing ed ha previsto un programma d’interazione a 360 gradi con i consumatori, con campagne stampa, iniziative in-store e tutto l’universo on-line, inclusi i social network. Così ha lanciato “Earthkeepers On The Road. Storie di gente fuori”, un progetto volto a comunicare ai clienti l’anima green del brand outdoor e il suo impegno a favore della sostenibilità ambientale. D’altronde, la natura ha bisogno di eroi.

Photo credits: Web spot

Ti è piaciuto l'articolo? Forse potrebbe piacerti anche adottare un albero!

 

 

 

Pianta ora Scopri Treedom Business