Treepedia: l'enciclopedia del verde in città

Jan 16, 2017 | scritto da:

Quanti alberi ci sono nelle principali città del mondo? A dircelo ci pensa Treepedia, una piattaforma che misura quanto verde c’è nelle città e nei quartieri in cui viviamo. Il progetto, che appartiene a un gruppo di ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology), vede coinvolto anche l'architetto italiano Carlo Ratti e si serve di un algoritmo proprietario e di Google Street View.

“Lo scopo dell'iniziativa è quello di mappare la presenza di alberi in una città e di mettere a confronto quartieri e zone. In questo modo i cittadini hanno un punto di osservazione privilegiato per capire qual è lo stato del verde nelle loro aree e contribuire a piantare alberi, laddove ce ne siano troppo pochi - spiega Ratti - È già prevista una seconda fase dell’algoritmo che aiuterà a identificare le specie di albero più adatte a una determinata zona, invitando poi i residenti a darsi da fare per rendere più green la loro città”.

Nella prima fase della sperimentazione i ricercatori hanno mappato 12 metropoli tra cui Vancouver, Parigi, New York e Londra e, con i dati raccolti, hanno creato delle mappe che indicano la copertura degli alberi, vista dall’alto: i punti verdi rappresentano le zone più fornite, quelli marroni le aree più sprovviste, mentre quelle nere, i luoghi che non sono stati ancora analizzati. La regina del verde è Vancouver, che ha una media del 25,9%, mentre Parigi è quella peggiore, con un punteggio di 8,8%.


Dall'analisi è emerso, inoltre, che c'è disomogeneità tra zone diverse. New York, per esempio, ha una buona copertura di alberi in alcune zone ma ne esistono altre, come Newtown Creek, Brooklyn e il Queens, sulle quali ci sarebbe tanto lavoro da fare. Parigi ha una concentrazione più forte nelle sezioni meridionali della città ma è decisamente povera nei quartieri del nord mentre Londra avrebbe bisogno di concentrarsi sull’est e il nord est della città, dove c’è una scarsa presenza di alberi. Treepedia non è certo esente da limiti negli strumenti scelti per la misurazione. Affidarsi a Street View, infatti, significa portare fuori dal raggio di controllo tutte le aree in cui l’occhio di Google non arriva, come parchi e giardini, dove si concentrano, come possiamo immaginare, la maggior parte degli alberi in città ma il potenziale del progetto è comunque notevole: la mappatura ha l’obiettivo di ripopolare le città di alberi, coinvolgendo i cittadini in prima persona. 


Pianta ora Scopri Treedom Business