Un tweet per sapere se l'aria è pulita

May 11, 2016 | scritto da:

Un tweet per conoscere il tasso di inquinamento dell'aria prima di uscire di casa. Un'utopia? No, si tratta di un particolare servizio lanciato venerdì 22 aprile, in occasione della Giornata della Terra, in India, lo stato che, secondo l'ultimo rapporto pubblicato dall'Organizzazione mondiale della sanità, conta ben 13 delle 20 città più inquinate al mondo.

Il servizio, reso possibile grazie alla collaborazione di Twitter con il sito di giornalismo investigativo IndiaSpend, permette ai cittadini di cinque centri urbani (Nuova Delhi, Mumbai, Bangalore, Chennai e Lucknow) di ricevere informazioni in tempo reale sul livello di inquinamento dell'aria del proprio quartiere.

Il sistema, che sfrutta i sensori della rete di IndiaSpend e le stazioni di monitoraggio più vicine nel raggio di 25 Km, è molto semplice: gli utenti non devono far altro che twittare l'hashtag #Breathe seguito dal nome della città e del quartiere dove si trovano. Dopo pochi secondi si ottiene una risposta contenente i livelli della qualità dell'aria registrati nell'ultima ora. Tra le informazioni ricevute si può trovare il livello di polveri Pm 2.5 e Pm 10, il giudizio generale sulla salubrità dell’aria e i possibili impatti sulla salute.

Il lancio iniziale del servizio per ora riguarda solo le prime cinque città indiane, ma si spera che presto l'idea venga diffusa anche in altri centri urbani con l'obiettivo di creare forme di prevenzione dell'inquinamento sempre più efficaci.

Pianta ora Scopri Treedom Business