Conversazioni africane. Tra Treedom e la Tanzania

Oct 01, 2021 | scritto da:

A volte non si può fare a meno di essere contagiati dall’entusiasmo delle persone. Oggi ve ne presentiamo due la cui passione ci ha letteralmente travolto, in una discussione a tratti caotica, ma carica di gioia e animata di un commovente calore naturale. Una conversazione tra Treedom e ... la Tanzania, uno dei paesi in cui il nostro lavoro sta crescendo di più.

Alfred Sella e Wilfred Ngima sono i fondatori di RuCoNet - un'organizzazione dedicata alla protezione delle foreste della Tanzania e alla promozione delle comunità locali. La Rural Community Net è uno dei nostri partner in questo paese unico, nel quale come Treedom siamo presenti da anni, grazie in particolare al lavoro di Luca Panzeri, uno dei nostri Forestry Manager, che si è unito alla nostra conversazione.

Come uno dei responsabili dei contenuti che Treedom produce ogni giorno per raccontare ciò che realizza nel mondo, volevo parlare con Alfred, Wilfred e Luca, per sapere cosa significa piantare un albero in Tanzania. Perché chi pianta un albero in Tanzania aiuta il pianeta, ma sostiene anche il grande lavoro di persone come Alfred e Wilfred.  (Alfred & Wilfred nell'intervista - insieme a Luca, il nostro Manager Forestale e Laurenz,, Content Manager)

E allora cominciamo dall'inizio: come è stata fondata RuCoNet? 

Alfred: Veniamo entrambi dalla regione di Arusha qui in Tanzania, che è dove ora gestiamo i nostri progetti. Tutto è nato da … una preoccupazione: qui la gran parte delle persone non ha prospettive reali. Per questo ci siamo chiesti: come possiamo rendere la vita migliore per la popolazione qui?  Nutrizione, salute, migliori cure mediche e istruzione .. tutto questo sarebbe essenziale, ma come fare? Infine, abbiamo capito: piantando alberi, possiamo raggiungere tutti questi obiettivi direttamente o indirettamente.

Wilfred: Io avevo già lavorato per diversi anni nel settore delle ONG. Ecco perché sono stato chiamato da Alfred quando c’è stato bisogno di un ruolo operativo. Con la mia esperienza, sono stato in grado di aiutare immediatamente. Così abbiamo fondato l'organizzazione per dare una forma concreta ai nostri sforzi. 


Come descrivereste la missione di RuCoNet?

Wilfred: Vogliamo aiutare le persone della nostra comunità a sfruttare meglio le loro opportunità economiche e, soprattutto, a poterle controllare da sole. Ci concentriamo soprattutto sulle minoranze etniche del nord della Tanzania, gruppi di persone che non sempre hanno vita facile. E naturalmente aiutiamo il pianeta piantando alberi. Anzi, forse prima viene il pianeta su cui viviamo e subito dopo le persone … sì, forse è così che la metterei. 

Alfred: Beh forse le due cose vanno di pari passo … il benessere delle comunità locali possiamo raggiungerlo proprio attraverso una migliore gestione della terra. Perché questo sia un obiettivo di lungo periodo noi teniamo costantemente sessioni di formazione per i coltivatori che partecipano ai nostri progetti. La gente deve capire cosa stiamo facendo e, soprattutto, perché lo stiamo facendo. Solo in questo modo ciò che stiamo facendo qui può durare nel tempo, ne siamo convinti.

(Formazione RuCoNet in una scuola locale)

Qual è il vostro prossimo obiettivo?

Wilfred: In realtà abbiamo appena raggiunto un nostro grande obiettivo: quest'anno abbiamo finalmente costruito il nostro secondo vivaio! Questo ci rende molto più produttivi! È stato un passo importante per noi. 

Alfred: È proprio come dice Wilfred! Nel 2020, abbiamo piantato 30.000 alberi. Quest'anno contiamo di arrivare a 60.000. Questo ci permetterà di aiutare ancora più persone! Attualmente lavoriamo con 412 contadini di 7 comunità diverse.

Luca: Devo ammettere che all'inizio non ero molto convinto di creare un secondo vivaio. Perché significa più organizzazione, più lavoro, più trasporto. Ma mi hanno convinto …  e hanno avuto ragione loro. Perché il risultato è qualcosa di cui essere orgogliosi!

Quali sono le sfide principali del vostro lavoro?

Wilfred: Ci sono piccole sfide ogni giorno. Nella regione in cui lavoriamo, l'accesso all'acqua è una di queste. Stiamo sperimentando alcune soluzioni per poter rifornire i nostri vivai nel miglior modo possibile. Ma non è facile.

Alfred: Anche trovare le giuste specie per fare dei buoni innesti non è facile. E a volte anche la burocrazia è un bell’ostacolo! Ma ci siamo abituati. Rispetto a quando abbiamo iniziato qualche anno fa, queste sono tutte sfide che non ci fermano!


Cosa ne pensate della collaborazione con Treedom? Andate d'accordo con Luca?

Alfred: (ride di gusto) Sì! È una gioia per noi lavorare con Treedom. Per noi, la partnership è un aiuto enorme. La cosa migliore è che possiamo sempre contare sul fatto che ci sia qualcuno quando abbiamo bisogno di aiuto o sostegno. 

Wilfred: Esatto! Devo confessare che Luca è molto organizzato …  più di noi (ride). C’è da dire che questa è una zona agricola e molte persone hanno delle buone competenze su come prendersi cura degli alberi.  Ciò che spesso manca è un partner che possa fornire la struttura e la pianificazione necessarie per implementare correttamente queste preziose conoscenze tradizionali. Questo è Treedom per noi. Siamo molto grati per questa cooperazione e per le molte persone che piantano alberi per sostenerci.  

 

Se volete saperne di più su RuCoNet e sul loro lavoro, seguiteli su Facebook. Lì postano regolarmente sulla loro vita quotidiana del progetto. 

E se volete piantare il vostro albero in Tanzania … è facile, basta un click!



Pianta ora Scopri Treedom Business